News

16/03/2017 13.24.30

L'AMORE E' SEMPRE LA CAUSA

di Luca Bertelli anche su
http://www.kmparoleinvespa.tk/

16/03/2017 13.23.13

DIO DEL CEMENTO di Alessandro Pedretta

recensione su
https://ilbicchierediversoblog.wordpress.com/2017/03/15/dio-del-cemento-di-alessandro-pedretta/

13/03/2017 12.39.52

Genova 16 marzo presentazione

alla Biblioteca Cervetto (via Jori n. 60) del nuovo libro di MANUELA ROMEO "Bianca ha un piano".

13/03/2017 12.33.08

Sabato 18 marzo al Turnè di Monza (via Bergamo 3)

Marzia Astorino e il suo nuovo libro DIETRO LE APPARENZE.

10/03/2017 22.06.17

Gli e-book di Edizioni Leucotea

sono anche su
https://www.bookrepublic.it/search/?q=leucotea&cerca_in=editore

10/03/2017 22.04.56

Seguici su Facebook su

https://www.facebook.com/leucotea.leucotea/
e su
https://www.facebook.com/profile.php?id=100009545015407

10/03/2017 21.55.58

Recensione de LE STELLE DI SREBRENICA su opinionierecensionilibri.it


DESCRIZIONE

Le vite di Marta, giornalista freelance brianzola ed Elma, donna bosniaca dipendente di un salone di bellezza in Brianza, si incrociano a seguito di un evento che solleticherà lo spirito giornalistico di Marta.
Quello che le due donne non possono immaginare è che il loro legame era cominciato, a loro insaputa, molti anni prima.

LASCIO CHE IL LIBRO SI PRESENTI

LEI TI STA OSSERVANDO: La pelle diafana, che si intravedeva appena sotto l’attaccatura dei capelli sfilati a rasoio dall’intenso color cioccolato, ebbe un sussulto come al passaggio di un improvviso alito di vento.
Marta si girò di scatto.
Nessuno. Non c’era nessuno nella strada a parte lei.
Eppure non era la prima volta che quella sensazione, epidermica e sfuggente, la faceva trasalire togliendole, per un attimo, il respiro
.
HANNO BISOGNO DI TE: “Abbiamo bisogno di qualcuno che riesca a farci conoscere e a dar voce alle necessità delle persone Down.
Dalla nascita alla scuola e al lavoro è tutta una strada in salita. Anzi peggio, se è già in salita per le persone normali, per quelle che sono considerate diverse è una scalata di settimo grado!”
Si fece sentire Stefania.
“I nostri figli non devono essere abbandonati. Noi da soli non ce la facciamo, anche se ci mettiamo tutto il nostro amore e impegno, materialmente le spese sono tantissime.”

LEI: Nadia, con il suo sorriso così vasto e abbacinante e col suo fluido d’amore l’aveva poco a poco incantata.
L’aveva resa più forte e consapevole. Le aveva insegnato a vedere la vita in un modo diverso, a dare valore alle cose che contano davvero. A riconoscere ciò che è vero, sano e buono. Come l’amicizia e l’affetto di pochi, contro le tante false promesse di quelli che avrebbero voluto approfittare della situazione per una campagna elettorale o per una referenza in un luminare curriculum di studi.

CHI HA PRESO NADIA? “Marta! Cosa è successo?” Rispose all’altro capo una voce nota.
“Tony!!! Nadia è… è sparita!” Riuscì a spiegare.
“Dove sei?”
“Alla piscina del Centro Body Life”
“Non muoverti, sto arrivando”
Anche volendo non avrebbe potuto fare un passo in più, tanto le gambe erano diventate rigide sotto il peso dell’adrenalina che scorreva a mille.

E TU CHI SEI?: Avevo stretto amicizia con un paio di ragazzi della mia età, un’amicizia che probabilmente non avrebbe avuto ragione di esistere nella vita di tutti i giorni, tanto eravamo diversi per carattere, estrazione e ambiente sociale.
Ma la guerra annulla tutte le differenze tra gli uomini, nel bene e nel male e fa emergere l’istinto primario di fare gruppo per sopravvivere, per unire le forze e farsi coraggio nel combattere la paura della morte, che qui è così vicina da poterne sentire il fiato greve e soffocante.

LA MIA OPINIONE SUL LIBRO

Non è facile descrivere le sensazioni che ho provato durante questa lettura, ma ci proverò.
Comincio con il dire che non è un libro, ma sono almeno tre libri diversi che con grande maestria l’autrice è riuscita a miscelare facendoli diventare un’unica bellissima storia.
Dico questo perchè il libro tocca vari argomenti, storie diverse che poi convergeranno tutte verso un unico punto. Ma il bello è che ognuna di quelle storie sarebbe appassionante anche da sola.
Vi è mai capitato di leggere libri con salti temporali?
In genere sono impostati con un capitolo sul presente e uno sul passato, e, diciamoci la verità, per quanto appassionante possa essere il libro c’è sempre una delle due parti che preferiamo di più e alla quale non vediamo l’ora di tornare.
Con questo libro, ciò non accade, perchè ognuna delle sue parti vi appassionerà e prenderà completamente.

Marta è una giornalista freelance con una vita lavorativa soddisfacente e familiare un po’ meno.
Rapporto difficile con la sorella, succube del dispotico marito, ma amata dal nipotino a cui si dedica ogni volta che può.
Ha un rapporto non ben definito con il carabiniere Nardone da cui riceve informazioni utili per il suo lavoro.
Nella sua vita entreranno Elma e Nadia, madre sola, ex moglie di un malavitoso bosniaco e sua figlia affetta dalla sindrome di Down.

Proprio a causa dell’ex marito di Elma, le due donne si incontreranno e diventeranno profondamente amiche. Elma troverà in Marta un’amica preziosa, che la aiuterà a gestire la vita non semplice di Nadia. Marta dal canto suo, cercherà di proteggere Elma e la piccola Nadia dal pericolo che si sta per presentare sulla loro strada.

Ma non tutto fila liscio e un giorno, purtroppo, le loro vite verranno sconvolte e da quel momento anche noi lettori entreremo in un mondo di cui conosciamo l’esistenza, ma che a volte preferiamo ignorare.
Perchè si sa, quando le cose succedono agli altri, quando le cose succedono lontano dai nostri occhi e dalle nostre orecchie, è facile ignorarle o far finta che non siano mai accadute.

Facciamo così per reale disinteresse o  perchè abbiamo paura del male che la consapevolezza della realtà ci potrebbe fare?

Quando sentiamo di una ragazzina che viene abusata, violentata… a cosa pensiamo?
E’ egoistico pensare “grazie a Dio non era mia figlia, mia sorella…”?
Quando sentiamo di un bambino rapito?
Quanta ansia, ci teniamo informati, ci pensiamo per un po’, poi…
E quando invece sentiamo dei morti in guerra?
Figli, fratelli, padri, mariti di qualcuno… ma fortunatamente non i nostri…
La verità è che, per quanto ognuno di noi sia dotato di animo caritatevole o di forte empatia, sono rari i casi in cui non basti qualche giorno per far volgere la nostra mente altrove se la cosa non ci coinvolge personalmente, perchè la vita è così.

Perchè sto scrivendo tutto questo?
Perchè questi sono solo alcuni dei quesiti che la lettura di questo libro mi ha suscitato.
Le stelle di Srebrenica non si limita a raccontare la storia di fantasia di Marta ed Emma, ma ci porta nella realtà, negli orrori del genocidio avvenuto durante la guerra in Bosnia – Erzegovina sbattendoci in faccia tutta la crudeltà di cui l’uomo è capace.
E’ strano, quasi surreale pensare che anche persone capaci di tali mostruosità sono figli, mariti, padri o fratelli di qualcuno.

Mi sono agitata, arrabbiata, mi sono venuti i brividi, ho provato schifo e vergogna per gli abominevoli gesti inflitti a delle povere anime innocenti, ansia e commozione nella consapevolezza che tutto ciò è realmente accaduto, neanche così tanto lontano da noi.

 

Quel giorno d’estate del 1995 lupi assetati di sangue, come quelli guidati dal sergente Milan Lukic,
calarono su Srebrenica e dilaniarono decine di migliaia di civili musulmani.
File interminabili di uomini disarmati, dai quattro agli ottant’anni, erano stati separati
dai miliziani e i musulmani deportati nelle zone predisposte per l’orrendo macello.
Corpi violati e profanati, che non avrebbero mai conosciuto il riposo della sepoltura,
ammorbavano l’aria ammassati in fosse comuni senza fondo.
Negli anni successivi ruspe, camion e uomini armati di pale avrebbero avuto
il compito di rivoltare la terra nelle oltre ottanta fosse comuni della Bosnia
orientale e di spostare anche di chilometri quel che rimaneva di quei corpi,
a cui neanche il test del DNA a cui vennero sottoposti avrebbero ridato un nome,
un’identità.
Sotto un cielo di stelle cadute le strade smembrate riecheggiavano
ancora degli ululati dei predatori.



10/03/2017 21.54.28

Giuliana Balzano il 17 marzo

a SESTRI PONENTE (GE)

10/03/2017 21.50.39

Nuovo Daniela Quadri [INTERVISTA:50 SFUMATURE D'AUTORE] su Suitcasedilibri.blogspot.it

1-Grazie per aver accettato l’intervista. Possiamo darti del tu?

Certamente! E anzi, mi fa molto piacere che vogliate darmi del tu, nonostante la carta d’identità mi ricordi, spietatamente, di aver ormai raggiunto la mezza età!

2-Spiegaci chi sei, che lavoro fai, cosa ami fare nella tua vita?

Nella vita, diciamo dalle 9 alle 17, lavoro come Marketing  Specialist in una multinazionale, ma dalle 19 in poi mi trasformo in scrittrice. Scherzi a parte ho un lavoro molto impegnativo che assorbe la maggior parte del mio tempo, però riesco a ritagliarmi dei momenti in cui mi dedico al mio grande amore: la scrittura. Questo di solito succede nel fine settimana, quando cerco disperatamente di trovare spazio anche per le altre passioni della mia vita, fidanzato incluso! Cosa non facile, ma credo sia così per tutti coloro che non possono definirsi scrittori di professione.

3-Dicono che i colori rivelano il carattere di una persona. Qual è il tuo colore preferito, e cosa può dirci di te?

L’azzurro in tutte le sue declinazioni e questo, secondo la teoria dei chakra,  è indice di una personalità che trova appagamento nell’espressione artistica, che ha un’innata capacità di comunicazione e riflessione e che nei rapporti umani si lascia coinvolgere più dalla sfera psichica ed emotiva che da quella fisica. Direi che mi ci ritrovo in pieno!

4-Tre aggettivi per descriverti

Sensibile, leale, caparbia

5-Come dicono di te gli altri?

Spero solo cose belle! Sarà l’età, ma ho smesso di preoccuparmi di quello che gli altri possono dire di me e mi sono arresa al fatto che non si può piacere a tutti. Io cerco di fare del mi meglio per piacere alle persone che amo, almeno loro!

6-Il giorno più bello della tua vita?

Deve ancora arrivare, mai porre limiti alla felicità.

7-Una cosa che ti rende felice?

Guardare il mare; mi fa sentire in pace con me stessa e con la vita.

8-Tre persone che stimi?

Mio padre, mia madre e il mio compagno. Se potessi aggiungerne una quarta direi me stessa, ma peccherei di immodestia; quindi buone le prime tre.

9-Sei mai stato deluso/a?

Spesso. A volte dagli altri, soprattutto dalle persone di cui mi fidavo o a cui volevo bene, ma anche da me stessa. Per essermi fidata troppo, per essermi fatta troppe aspettative, o per non aver avuto il coraggio di osare.

10-Hai tatuaggi?

No. Ho troppa paura degli aghi per pensare anche solo di farmene fare uno. Però ho accompagnato il mio compagno in un tattoo salon e devo ammettere che sono rimasta affascinata dall’abilità dei tatuatori e dall’atmosfera un po’ trasgressiva e complice che si respirava.

11-Cos’è per te la  scrittura?

La scrittura è un modo per tirare fuori, nero su bianco, le mie emozioni più profonde, e trasmetterle a chi mi legge.  È anche il mezzo per visitare luoghi mai visti, fare esperienze altrimenti impossibili, vagare su e giù per i secoli o in altri mondi; insomma è il mezzo più bello e appagante di vivere milioni di vite oltre alla mia.

12- A quali scrittori ti ispiri?

In generale a quegli scrittori che riescono a dare spessore ai sentimenti e alle emozioni attraverso l’azione, senza che né l’analisi psicologica né la trama siano penalizzati. Ecco questo è il mix che cerco di ottenere nella mia scrittura.

13-Quando scrivi di notte o di giorno?

Di solito di sera dopo cena; mi rilasso ascoltando musica e poi mi siedo davanti al computer. A volte mi aiuta anche sorseggiare un bicchiere di buon vino, senza esagerare, scalda il motore e libera la fantasia.

14-Ti definisci una scrittrice impulsiva o riflessiva?

Impulsiva direi; le mie storie nascono da un’emozione, un dettaglio, un particolare di un luogo che ho visitato, o di una persona che ho incontrato  o solo visto di sfuggita. Stanno lì nascoste in qualche angolo del mio cervello e poi, d’un tratto, eccole lì che scalpitano per uscire, per vivere di vita propria. E io docilmente obbedisco, dando, di tanto in tanto, un’aggiustatina a qualche personaggio un po’ troppo esuberante, o introducendo nuovi scenari. Insomma, sono anche regista delle mie storie!

15-Scrivi a mano o al computer?

Generalmente al computer, mi è più facile fare correzioni o, addirittura, riscrivere dei pezzi che non mi convincono. In qualche occasione però, soprattutto con racconti brevi o diari, preferisco scrivere a mano. Mi aiuta a calarmi meglio nella storia, una sorta di transfer col mio personaggio.

16-Quando hai scritto il tuo primo libro?

Nel 2009 e quasi per scommessa. Un’amica aveva pubblicato un libro e mi sono detta: se c’è riuscita lei perché non dovrei riuscirci anch’io? Detto fatto nel 2011 è uscita la mia prima raccolta di racconti “Spicchi di cuore” (0111 Edizioni), seguito nel 2013 da un’altra raccolta intitolata “Istantanee di un destino” (0111 Edizioni). L’ultimo mio romanzo Le stelle di Srebrenica è stato pubblicato nel 2015 (Leucotea Project).

17-Da piccola volevi fare la scrittrice?

Assolutamente, no. Volevo fare la ballerina, la dottoressa, la maestra e l’astronauta, così a seconda dei giorni e dell’umore.


18-Pensi che la scrittura possa trasformarsi in un lavoro?

Potrebbe, ma per ragionare in termini pratici, solo se mi garantisse da vivere, e questo al momento per me non è pensabile.

19-Per scrivere ti preparo una scaletta? Se si poi la segui?

Di solito mi preparo una scaletta di massima, giusto per avere un’idea di come si svolgerà la trama, o quali saranno i personaggi principali, ma poi scrivo a ispirazione; quindi direi che non la seguo troppo e, a volte, per niente perché le idee mi vengono in corso d’opera.

20-Scrivi in ordine cronologico?

Sì, scrivo sempre in ordine cronologico i vari capitoli; questo mi aiuta a dare fluidità alla narrazione e continuità alla storia, riducendo il rischio di ripetizioni e incongruenze.

21-Hai un luogo in particolare dove ami scrivere?

No, l’importante è che sia un luogo tranquillo e che io sia da sola. Non riesco a concentrarmi in presenza di altre persone, anche quando se ne stanno buone e tranquille. Scrivere è per me un atto profondamente intimo e come tale lo proteggo.

22-Parlaci dei tuoi libri/libro?

La mia prima raccolta di racconti “Spicchi di cuore” aveva come protagoniste nove amiche quarantenni con i loro incontri-scontri sentimentali nati nel mondo delle chat. Un fenomeno questo sempre più diffuso nell’ultimo decennio, che mi aveva permesso di toccare con ironia alcuni temi  spinosi come la paura dell’AIDS, le differenze etniche o anagrafiche nella coppia, l’infertilità e il naufragio dei progetti affettivi con separazioni e divorzi.

La protagonista della seconda raccolta “Istantanee di un destino” era la capo-redattrice di una rivista patinata; una donna in carriera che arrivata al giro di boa dei cinquant’anni, decide di rivoluzionare la sua vita. Lascia il lavoro, interrompe una relazione sentimentale inconcludente e rompe con un passato doloroso, riuscendo a trovare nuova linfa vitale nell’amore per due figlie adottive.

Nel mio ultimo romanzo “Le stelle di Srebrenica” ho voluto inserire la centralità della donna in un contesto corale e drammatico, quello del conflitto della Bosnia-Herzegovina.  Un romanzo “in rosa”, dove il protagonismo femminile è mosso da una solidarietà a tutto tondo: quella individuale, che aiuta a superare le difficoltà di una bambina affetta da sindrome di Down, e quella  collettiva, come memoria e strumento di sopravvivenza agli orrori di una guerra in cui le donne sono state vittime di stupri di massa, pagando un prezzo enorme.

23-Il tuo libro/libri sono auto pubblicati o editi?

Tutti i miei libri sono stati pubblicati da case editrici non a pagamento

24-Cosa pensi dei self?

Con lo sviluppo sempre maggiore delle librerie e degli store online, il self-publishing è diventato un fenomeno in forte crescita. Non è raro il caso di autori che avendo pubblicato col self-publishing , sono stati notati e messi a contratto da grandi CE, grazie al gran numero di download ottenuti. La strada del self-publishing dà inoltre all’autore la possibilità di gestire in prima persona la propria opera e di avere visibilità diretta delle vendite. In pratica lo scrittore è sia autore che editore, con tutti gli oneri e gli onori delle due figure.

25-Cosa pensi di  chi paga per farsi pubblicare?

Penso faccia del male a se stesso perché non ci crede fino in fondo, agli altri autori che con grande fatica cercano di trovare un proprio spazio nel mondo letterario , e alle case editrici non a pagamento che si prendono rischi e si sobbarcano costi per dar vita a libri di qualità.

26-Per pubblicare con una grande CE serve avere delle conoscenze o ci si può arrivare solo con le proprie forze?

Come in tanti altri settori, per arrivarci ci si può arrivare anche con le proprie forze – il talento e la fortuna non sempre viaggiano separati -, ma avere qualche santo in paradiso è sempre d’aiuto.  Il che non vuol dire che si può essere pubblicati da una grande CE se si è uno scrittore mediocre, ma che , per il loro stesso modo di operare, le grandi CE “scoprono” nuovi talenti attraverso il filtro delle agenzie letterarie o dei propri editor. Quindi qualche conoscenza ad hoc non nuoce alla causa.

27- Ami i social network? Per un autore sono croce o delizia?

Amare è una parola grossa, direi che cerco di usarli e di non diventarne schiava.  Per un autore i social non sono importanti, di più. Avere una pagina Facebook, gestire un blog o essere presenti su Twitter o Instagram è fondamentale, perché questi sono gli strumenti del marketing 2.0. I social permettono di creare una rete di contatti con i propri lettori, di condividere eventi, novità, di scambiare opinioni e impressioni. Insomma senza social è impensabile riuscire a promuovere le proprie opere.

28- Com’è il tuo rapporto con i lettori?

È un rapporto di stima e fiducia reciproca: quando un lettore pubblica una recensione del mio romanzo sono felice che abbia voluto condividere con me le emozioni che ha provato e, da questo punto di vista, chiedo sempre ai miei lettori se vogliono farmi avere le loro impressioni. I lettori sono il miglior metro di giudizio di quello che scrivo; attraverso le loro parole riesco a capire se e come il mio messaggio sia arrivato, se la storia è avvincente, quale personaggio ha suscitato le loro simpatie, quali parti hanno maggiormente apprezzato e quali meno.  Per questo ringrazio i miei lettori, siete fantastici!

29- Una domanda un po’ peperina, se una grossa casa editrice ti contattasse perché interessata a pubblicare qualcosa di tuo, ancora inedito, e ti dicesse che però dovresti stravolgere il tuo lavoro e fare un po’ come vogliono loro per riuscire a vendere più copie, tu accetteresti?

Mah, domanda veramente insidiosa! Se volessero stravolgere il mio lavoro a tal punto che io stessa non lo riconoscerei più come mio, allora farei loro una controproposta: Signori, pagatemi l’idea e poi fatelo scrivere a chi volete.

30- Quali sono le difficoltà più grandi che hai incontrato (e che stai incontrando) nella promozione del tuo libro?

Le piccole e medie case editrici generalmente non investono nella promozione dei libri e quindi la promozione è tutta a carico dell’autore. La difficoltà maggiore sta proprio nell’essere un autore esordiente, bella parola per dire sconosciuto ai più, e di conseguenza i librai sono poco o per niente propensi a mettere sugli scaffali libri che potrebbero restare invenduti.  Le biblioteche, o meglio i bibliotecari, arricciano il naso davanti alle proposte di presentazione di autori che non garantiscono un folto pubblico. E via dicendo. È un po’ un cane che si morde la coda, ma non bisogna lasciarsi abbattere. Io, per esempio, ho trovato un ottimo strumento di promozione tra i blogger; disponibili, attenti e molto professionali nelle recensioni. Un altro eccellente strumento di promozione è il passaparola; sembra una cosa scontata, ma non lo è, e i risultati possono essere davvero strabilianti .

31- Quanto è importante secondo te la promozione per il successo di un libro?

La promozione è fondamentale per il successo di un libro. Solo i grandi e grandissimi nomi della letteratura possono, forse, fare a meno della promozione, ma nel caso di autori esordienti o emergenti senza promozione non si va da nessuna parte.  

32-Cosa consigli ad una persona che si affaccia nel mondo della scrittura?

Di armarsi di perseveranza e di tanta pazienza. La fretta è nemica della buona scrittura e, a causa della fretta , si possono perdere delle belle occasioni. Per cui il mio consiglio è di scrivere con molta cura, e di inviare il proprio manoscritto solo nel momento in cui siamo convinti al 100% che quella è veramente l’opera migliore che possiamo presentare a un possibile editore.

33-Cosa o chi ha ispirato la storia che hai scritto?

La storia che ho narrato ne Le stelle di Srebrenica prende spunto dalle vicende di un’amica originaria del Kosovo, che è riuscita a lasciarsi alle spalle l’inferno dei Balcani e ad integrarsi perfettamente nel suo nuovo paese, l’Italia. Ho poi deciso di calarmi nel dramma di una guerra in particolare, quella della Bosnia-Erzegovina, perché storicamente, geograficamente e cronologicamente molto vicina a noi. Una guerra piena di atrocità, purtroppo come tante nel mondo, ma dove le donne sono state usate come mezzo di sterminio di un’intera etnia. Per poter descrivere il massacro di Srebrenica e le sevizie di cui le donne sono state vittime da parte degli eserciti in campo, mi sono documentata leggendo tutto il materiale che ho trovato in rete: reportage e documenti di giornalisti e inviati di guerra, i verdetti del Tribunale dell’Aja e dell’ONU, dichiarazioni di associazioni di donne e madri bosniache. Lo stesso ho fatto per raccontare con precisione storica, anche se ovviamente romanzata, le vicende di Gustavo, il soldato italiano sul fronte orientale durante la seconda guerra mondiale. In questo caso ho letto diari di soldati e storiografie dedicate a quel periodo. Anche se per Gustavo mi sono lasciata prendere emotivamente dalla storia del mio nonno paterno. Lui, ragazzo del ’98, mandato a combattere a soli diciassette anni in trincea sul Carso nella prima guerra mondiale,

34- I personaggi sono reali o inventati?

I personaggi sono di fantasia anche se alcuni di loro nascono da storie vere. Devo ammettere che uno di loro in particolare, e chi leggerà Le stelle non farà fatica a capire a chi mi riferisco, mi ha letteralmente tolto la penna di mano per raccontarsi in un cameo tutto per sé.

35-Chi ti ha sostenuto in quest’avventura?

In un’avventura del genere conta tantissimo l’auto-motivazione; dobbiamo essere i primi a credere in noi stessi  e nelle nostre capacità. Poi non finirò mai di ringraziare per il loro sostegno e la loro fiducia, soprattutto nei momenti più difficili, i miei cari e i miei amici.


36--Ultimo libro letto?

Due di Irene Nemirovsky. Una grandissima scrittrice capace di sondare anche le pieghe più segrete dei sentimenti umani e soprattutto dell’amore.

37-Che genere leggi?

Soprattutto romanzi, narrativa mainstream, con qualche incursione nel romanzo storico e nel giallo – thriller psicologico.

38-Da cosa scegli un nuovo romanzo da leggere, non so copertina, trama, autore ecc.?

Spesso la copertina è stata la molla che mi ha fatto decidere di acquistare un libro. Poi, sicuramente,  leggo la trama, ma l’elemento decisivo è l’incipit. Confesso che leggo sempre come inizia un romanzo e se le prime righe mi colpiscono, posso essere sicura che uscirò con una copia sotto il braccio.

39-A quale autori non sai rinunciare?

A tutti quegli autori che indagano, scavano e fanno vivere nelle loro storie le luci e le ombre dell’animo umano. Qualche esempio Emily Bronte, Dostoevskij, Hemingway, Alice Munro, Isabel Allende.

40- Di cosa hai paura?

Di tante cose, c’è solo l’imbarazzo della scelta: malattia, solitudine, povertà, morte. Diciamo che nei periodi positivi le affronto una alla volta, mentre in quelli negativi faccio di tutto per non pensarci. Tanto non cambierebbe molto anche se ci perdessi il sonno!

41-Dove vorresti vivere?

In un paese in riva al mare; non importa quale paese e quale mare.

42-Hai altri hobby oltre la scrittura?

Ho molti hobby e passioni che coltivo a fasi alterne: la fotografia, sia come fotografa amatoriale che come visitatrice di mostre, la lettura, le passeggiate all’aria aperta, la degustazione di tè, gli haiku e tutto ciò che riguarda la cultura giapponese.    

43-Qual è il tuo sogno più grande?

Visto che sognare non costa niente, allora sogno alla grande: vincere al SuperEnalotto o a qualche lotteria tipo Turista per Sempre, smettere di lavorare, girare il mondo, scrivere quando e come mi va, pensare al futuro di chi mi sta vicino e di chi non ha nessuno che ci pensi.

44-Ti piacciono gli animali?

Molto, specialmente i gatti con i quali trovo molte affinità di comportamento e carattere. Adoro starmene al calduccio sotto le coperte, sonnecchiare sul divano e sono molto permalosa e insofferente a tutto ciò che limita la mia libertà di fare o non fare le cose. Una gatta mancata!

45-Credi nella magia e nel paranormale?

Credo nella magia della vita e penso che tutti noi l’abbiamo dentro. Spesso i problemi, le difficoltà, la fatica del quotidiano ce lo fanno dimenticare; dobbiamo cercare di dedicare più tempo a noi stessi e far risplendere la nostra luce magica.  

46-Come ti immagini tra vent'anni?

Spero in salute, finalmente in pensione – ma su questo punto nutro i dubbi più forti – e con ancora tanta voglia di sorridere alla vita. Naturalmente, nel frattempo, sarò diventata una scrittrice famosa (scherzo! Ma mai dire mai).

47-Libro preferito ed autore preferito? Perché?

Ce ne sono davvero tanti, per cui mi limiterò a citarne alcuni in ordine del tutto casuale:

A sud del confine, a ovest del sole – Haruki Murakami , per il suo stile apparentemente “semplice” e diretto, per il legame profondo tra musica e parola scritta che c’è in tutti i suoi romanzi, per quel velo di malinconica accettazione attraverso il quale i suoi personaggi raccontano la vita

Né di Eva né di Adamo – Amelie Nothomb, per l’ironia della sua penna, la vivacità e immediatezza delle sue descrizioni, per la nostalgia e l’amore profondo per il Giappone che traspare da ogni pagina (vi avevo detto che io adoro il Giappone, no? J)

Chiedi alla polvere – John Fante, per aver creato con Arturo Bandini un antieroe più credibile e reale di tanti altri eroi della narrativa mondiale, per la sua ironia mai sopra le righe e sempre funzionale al racconto

E mi fermo qui.

48-A che età ha iniziato a leggere? E con quale libro?

Da quando ho imparato a leggere, quindi alle scuole elementari, e il mio primo libro è stato Cappuccetto Rosso.

49-Progetti per il futuro? Un nuovo libro nel cassetto?

Ho terminato un nuovo romanzo che, al momento, è in cerca di editore. Un romanzo in rosa, come è nel mio stile, che tratta, tra gli altri, temi legati alla cronaca dei nostri tempi e, in particolare, ai bambini. E ne ho da poco iniziato un altro la cui trama si svilupperà sul tema della violenza sulle donne e dello stalking. Non ce la faccio proprio a non scrivere di donne! Ma spero in questo modo di contribuire a dare voce alle troppe vittime dimenticate e persino sconosciute.

50-Che consiglio daresti agli autori che stanno leggendo questa intervista?

Lo stesso consiglio che mi sono data quando ho iniziato a scrivere: leggere tanto, scrivere ogni volta che è possibile farlo, non temere la fatica, i sacrifici e le delusioni e, soprattutto, non smettere mai di credere in se stessi e di sperare. L’occasione giusta arriverà, piccola o grande che sia, sarà la nostra occasione e dovremo farci trovare preparati per non lasciarcela sfuggire!

07/03/2017 10.21.41

Concorso letterario

INNAMORATI CON LEUCOTEA.