News

02/10/2019 08.34.05

IL RITORNO DI GIUDA di Emilio Cattaneo - Come si insegna la religione oggi?

In bilico tra il papale "Chi sono io per giudicare?", i "Dubia" dei Cardinali, le incognite del Sinodo sull'Amazzonia e un'affluenza alla Messa domenicale mai così bassa dai tempi di Diocleziano come avviene la trasmissione del depositum fidei?

E' quello che ci racconta il Bresciano Emilio Cattaneo tramite gli occhi di un genitore "costretto" a frequerntare catechismo assieme alla figlia (ma in classi separate).
La cronaca tra il serio e lo scanzonato in cui affiora da un lato la bellezza e la profondità delle sacre scritture e dall'altro tutte le difficoltà di comunicazione della Chiesa contemporanea.

Emilio Cattaneo, dopo aver esercitato per qualche anno la professione di Avvocato, dalla fine degli anni ’90 inizia a lavorare all’interno di grandi aziende multinazionali del settore del credito e delle assicurazioni. Attualmente è Direttore del Personale, Organizzazione e IT di una multinazionale nel settore industriale. Sposato, con una figlia, vive in provincia di Brescia. Il ritorno di Giuda è il suo secondo romanzo.
Nel 2018 è stato pubblicato Gli ultimi giorni di Gondrano.

24/09/2019 10.57.21

Edizioni Leucotea in collaborazione con la collana Élite annuncia l’uscita del libro di Gioia Martignago “Quello che eravamo”

"La storia la sai. Te l’ho raccontata tante volte, e non per passare il tempo. Le nostre parole prima o poi torneranno. Fanne quello che vuoi, la storia ormai è tua. Io ho finito.”Dopo dieci anni, le parole delle mie nonne sono tornate a cercarmi.

Precise. Puntuali. Quasi insistenti, per ricordare ai vecchi e a raccontare ai giovani quello che eravamo.

Noi, siamo quello che eravamo. Basta solo ricordarlo.


Gioia Martignago è nata il 3 ottobre 1988, laureata in Servizio Sociale all'Università Ca' Foscari di Venezia, lavora come assistente sociale a Treviso. Appassionata di pasticceria, collezionista di orchidee, lettrice a tempo perso. Da sempre ha la passione per creare e inventare lasciando libera la fantasia.

Quello che eravamo è il suo primo romanzo.

19/09/2019 11.32.06

Filippmarlowe e il caso del marito scomparso di Luana Ravecca

Filippmarlowe torna con un nuovo e coinvolgente caso investigativo!

Riusciranno Tony Costa e Filippmarlowe a sbrogliare l’intricato “gomitolo” di indizi?
Filippmarlowe e Tony Costa, la più improbabile tra le coppie di investigatori, torna con una nuova entusiasmante avventura. Un pomeriggio di una giornata di Primavera meteorologicamente incerta, una donna (Più truccata del mazzo di carte di un baro. Capelli lunghi e ossigenatissimi, ciglia finte, ombretto pesante, labbra e unghie rosso fuoco) si rivolge alla Costa Investigazioni per ritrovare il marito scomparso. Tony comincia svogliatamente a indagare su quella che sembra essere una banale storia di corna ma, in men che non si dica, si ritrova coinvolto in una vicenda più grande di lui. Toccherà a Filippmarlowe tirarlo fuori dai pasticci.
Luana Ravecca spezzina di nascita e milanese di adozione è una scrittrice, fumettista ed enigmista. Svolge inoltre l’attività di educatore culturale e di collaboratore editoriale lavorando per varie agenzie. Alle mansioni strettamente editoriali affianca quella di curatrice di mostre multisensoriali. Vive a Milano nello storico quartiere di Porta Romana con il marito Achille. Si dichiara “gattodipendente”. Filippmarlowe e il caso del marito scomparso segue Omicidio nel Golfo, il suo romanzo di esordio e, come il precedente, è un omaggio semiserio a Raymond Chandler e Natsume Sōseki.

TIPOLOGIA DI ROMANZO
Il romanzo è  un giallo parodistico che  si  ispira tanto a Raymond Chandler e al suo investigatore Philip Marlowe, quanto a Ntsume Sosēki e a quello che probabilmente è il suo romanzo più famoso: “Io sono un gatto”. Nonostante le premesse non si tratta di un semplice remake o di una critica all’operato di questi insigni scrittori (dio me ne guardi…) bensì di una pura e semplice parodia che procede sempre sul filo del rasoio cercando di non cedere al grottesco e al caricaturale più scontato. I personaggi sono volutamente estremizzati, agiscono e parlano come gli eroi, o meglio, gli anti-eroi dell’hard-boiled. Gesti, parole ed espressioni sono spesso macchiettistici, ma funzionali alla storia e, se in alcune parti il grottesco trionfa è voluto e non subìto. In altre parole scrivendo questo romanzo ho solo cercato di strappare un sorriso ai lettori con una storia scanzonata e divertente magari da leggere durante le lunghe serate d’inverno sorseggiando una tazza di tè o una cioccolata bollente.

LUOGHI E TEMATICHE
La vicenda  è  ambientata nella città di La Spezia, ma non in una città reale, per luoghi, indirizzi e personaggi, bensì  in una città immaginaria. Mi spiego meglio: non potevo certo collocare le indagini in via del Prione, piazzetta del Bastione e via Genova  senza rischiare di scontentare e offendere i negozianti o gli abitanti delle medesime. Ho pertanto inventato luoghi che richiamino quelli reali. Allo stesso modo il palazzo in cui vive Tony è la somma di alcuni degli edifici che sorgono nella storica via XX Settembre, ma non esiste nella realtà. Questo vale anche per il negozio di parrucchiere delle sorelle Locascio, per il palazzo dei vip spezzini dove vivono Giulio Delnevo e Ginevra Allonicco di Pietrascheggiata, per la bottega di Maria Luisa Colletti, eccetera... Vere sono alcune descrizioni come quella di piazza Verdi o il parco delle Clarisse. Vero il clima generale che si respira in una provincia marinara unica al mondo…


30/07/2019 17.02.47

Edizioni Leucotea, in collaborazione con la collana Élite, presenta il libro di Sebastiano Martini “Covadonga”

Due amici ultra quarantenni, nella Cuba contemporanea, decidono di avventurarsi in un affare imprenditoriale, con l’illusione di poter cambiare vita. Qui conoscono un ambiguo funzionario di Stato, che si dichiara disponibile ad aiutarli, ma dietro un cospicuo sforzo economico. Il giorno fissato per la conclusione dell’accordo però, uno dei due amici scompare e ciò costringe il protagonista a far saltare l’affare per andare alla ricerca dell’amico scomparso.

Sebastiano Martini nasce a Parma nel 1978, città dove vive e lavora. Avvocato civilista, esercita la professione forense da circa quattordici anni. Appassionato di cultura spagnola e latino americana, ha sempre orientato i suoi viaggi in quella direzione. È profondo conoscitore di Cuba, in cui si reca periodicamente da quindici anni. Accanito lettore e abituato a scrivere per professione, ha di recente anche intrapreso l’attività di autore.
Covadonga è il suo romanzo d’esordio.

23/07/2019 11.52.24

Edizioni Leucotea, in collaborazione con la collana Élite, annuncia l’uscita del romanzo di Tiziana Scrivo “Ines e Anita”

Due sorelle e due vite spezzate che arrancano per ricostruirsi.

Ines e Anita vivono in una famiglia di genitori separati, sono chiamate già dalla giovane età ad affrontare significativi distacchi emotivi e gestire dinamiche esageratamente spiacevoli.
Sentimenti soffocati e distorti, riaffiorano prepotenti trovando nuova collocazione, una nuova vita, e di tanto in tanto un cielo sereno.
Tra le pieghe di una narrazione talvolta esasperata e talvolta dolcissima si evincono drammi profondi e un amore imprescindibile cantato a gran voce.
Due anime che rimangono impigliate anche se vengono allontanate, dove la forza di entrambe le aiuterà a riunirsi nonostante ognuna poi intraprenda la sua adulta strada.
Attraverso il profumo della memoria di Anita viene sollecitata la coscienza del lettore, al quale sembrerà di conoscere, e davvero da vicino, due sorelle: l'una la metà morbida dell'altra.

Tiziana Scrivo nasce nel 1987 a Finale Ligure. Trascorre l’infanzia ad Alassio sino all'età di dodici anni. Attualmente vive sul Lago di Como.
Si dedica alla scrittura di testi e poesie sin dalla giovanissima età, attraverso cui ama raccontare e raccontarsi. Nel 2005 vince il concorso letterario Le ali della vita, con una sua poesia riguardante la sua nascita e l'amore per il profumo del suo mare e della sabbia della sua terra natia.
Ines e Anita è il suo primo romanzo.

19/07/2019 08.14.13

In libreria oggi "La vendetta degli angeli"


La scrittrice Gina Pepe ci porta in un passato vivo, dai caldo colori del sud

É una storia d'amore e disgraziata quella che ci presenta Gina Pepe in un romanzo che ci trasporta in un ieri che pare distante da noi millenni. In un piccolo paese della Lucania, così sperduto tra le campagne che il fascismo lo considera adatto al confino si dipana un racconto sapido di suggestioni.
Lucia cresce in una famiglia povera, numerosa e serena. Una famiglia la cui storia, comune a quella di tante famiglie contadine, è fatta di sudore, fatica e di qualche soddisfazione. Così come tradizione inizia a lavorare presto, per presto sposarsi, per amore e senza costrizioni.
Per mezzo dei suoi occhi riscopriamo gli usi di un mondo arcaico, uno ieri che a tratti sembra distante eoni e che pure risulta in qualche modo familiare.

Gina Pepe trascorre la sua infanzia tra Basilicata, Germania e Toscana, dove si stabilisce con tutta la famiglia nel 1980.
Coltiva negli anni la sua passione per lo scrivere partecipando a vari corsi di scrittura creativa e scrivendo racconti presentati con soddisfazione a vari concorsi letterari Nel 2016 vince “Speciale Infanzia” con il racconto ”La Pietra che guarda”.
“La vendetta degli Angeli” è il suo romanzo d’esordio.

17/07/2019 10.27.15

Festa grande in Leucotea: pubblicato oggi il trecentesimo titolo

E'  "Il primo vestito rosso" della viareggina Irene Malfatti.

Il libro ci presenta Zeno, professore di liceo vicino alla quarantina, reduce dall'ennesima catastrofe sentimentale, ottiene il trasferimento a Lucca, dove incontra Ottavia, e se ne innamora immediatamente, scoprendo, perfino, di esser ricambiato. Vivono insieme e felici, finché la gravidanza di lei non mette in discussione tutto, dalle convinzioni di Ottavia a quelle di Zeno.
Riusciranno ad aprirsi alla molteplicità dei possibili sentire e ad ammettere l'esistenza di pensieri scomodi propri e altrui?

Irene Malfatti ha studiato scienze dell’educazione a Padova, ha lavorato come educatrice per poi, dopo essersi formata come counselor, decidere di applicarsi prevalentemente alla risoluzione delle problematiche di coppia.
Tra le sue opere ricordiamo Eva al tempo del blog, Firenze, 2017 e Figlie di Fiamma, Firenze, 2018.

09/07/2019 18.07.38

Edizioni Leucotea in collaborazione con la collana Élite annuncia l’uscita del romanzo di Valentina Lazzeri “Si può essere felici anche di lunedì”

E voi potete essere felici anche di lunedì?

Adele, ragazza senza tanti grilli per la testa, antirivoluzionaria e anti-sovversiva, incasellata in clichè sociali, si ritrova all’alba dei trent’anni a lasciare Alberto, suo marito. Inizia così una nuova vita che le da la sensazione di essere invincibile. Non servirà però molto tempo per capire, quanto, questa felicità sia artefatta. Adele, si rifugia nel lavoro, la certezza di sempre, in infinite chiacchierate con la Zia Etta e le amiche di sempre. Tutto questo la porta a risalire la china. Ma quando tutto sembra prendere la strada giusta, arriva la telefonata che le cambierà la vita.
Adele lotterà come un leone senza paura, cadrà e si rialzerà perché, alla fine, si può essere felici anche di lunedì.

Valentina Lazzeri è nata a Livorno nel 1979. Lavora come Business Controller in un’azienda di sviluppo software. Lettrice accanita da sempre e scrittrice per diletto.
“Si può essere felici anche di Lunedì” è il suo romanzo d’esordio.


28/06/2019 12.17.07

Edizioni Leucotea in collaborazione alla collana Project annuncia l’uscita del nuovo romanzo di Martin Beux “Prigionieri dell’infinito”

Un viaggio alla scoperta di se stesso...

Nadir, un trentenne irrequieto, fugge dalla disoccupazione e dalla crisi economica, con un biglietto di sola andata per il lontano arcipelago di Porto Grande. Partirà alla ricerca del proprio ignoto destino e incontrerà Dora, al cui fascino oscuro cercherà di resistere invano finché non ne verrà assorbito pericolosamente senza rendersene conto. Sarà proprio grazie a lei che avverrà la catarsi; ma prima Nadir dovrà affrontare i cani del deserto, per spezzare le catene del proprio intelletto, e scoprire la cruda verità, che avrà un volto passionale ma amaro, doloroso e violento.
Sarà un viaggio alla scoperta di se stesso e delle intenzioni misteriose che muovono le redini delle relazioni umane. Una storia d’amore convulso e di vita vissuta, in bilico tra diversi piani temporali dove il contesto assume sfumature a tratti oniriche e nei quali i personaggi femminili si alternano, fino quasi a confondersi nell’isterica rifrazione del sogno e della propria memoria.

Martin Beux è nato nella provincia di Torino. Si è trasferito a Sanremo ancora bambino. Lavora a Montecarlo e vive in Costa Azzurra.
Laureato in Teorie e Tecniche della Mediazione Interlinguistica all’Università degli Studi di Genova, ha conseguito un Master in Relazioni Internazionali presso l’Università di Aberystwyth in Galles.
Ha pubblicato due libri di saggistica: uno in Spagna, El Hierro Literario (2010); l’altro in inglese, The EU and Human Rights (2012).
Prigionieri dell’Infinito è il suo primo romanzo.

25/06/2019 18.40.59

È in libreria “Il processo Siberia” il nuovo libro di Alessandro Gnani

Un giallo ambientato all’ombra della Mole

In una notte d’autunno, alla periferia di Torino, un’anziana signora viene trovata morta in casa. Fuori dalla villetta giace immobile la figlia. Ha lo sguardo perso nel vuoto e il volto sporco di sangue. Già violenta contro la madre, con una diagnosi di disturbo borderline della personalità, diviene subito la principale indiziata. Alla ricerca dell’arma del delitto che pare introvabile, nasce così il processo Siberia, capace di condurre il lettore entro una storia d’amore profonda e terribile, tra visioni immaginifiche e personaggi perduti. Un giallo singolare e affascinante, un serrato gioco ad incastro destinato a sciogliersi in un epilogo spiazzante.

Alessandro Gnani svolge da anni le funzioni di magistrato. Autore di diversi volumi scientifici, esordisce nel 2010 con l’opera teatrale Niente da dire.
Nel 2017 pubblica per Leucotea il romanzo C’era una notte a Berlino.
È anche scrittore di racconti, tra cui ricordiamo: L’astronauta e La casa ridotta, pubblicati nel 2019.