< torna alla lista

19/04/2018 07.52.14

Leucotea Project annuncia l’uscita del romanzo di Federico Amoretti “Fumo di Londra”.

Chi vorrebbe Marcello morto?
Marcello, musicista rock, appassionato di jazz, amante del classico assiste nel Duomo di Porto Maurizio all’esecuzione del Dies Irae di Mozart ma pare sia anche la sua, l’esecuzione. Qualcuno gli spara in testa.
Marcello si trovava a Londra con una band imperiese racimolata all’ultimo momento per non perdere il contratto con il discusso Alberto Baroni proprietario di un mega dinner dancing in centro città.
Ottima retribuzione comprensiva di vitto e alloggio.
Laura è la cantante (moglie problematica di Marcello) che riscuote grande successo di pubblico, ma l’antipatia dei “colleghi”. C’è anche intolleranza tra marito e moglie, tant’è che Marcello cede alle lusinghe di Sabrina, la tastierista di lui innamorata. Nasce una storia d’amore più complicata del suo ménage coniugale. Quando i due si incontrano per la prima volta ad un omicidio... Chiuderanno il tutto nel silenzio? Forse no.
L’assassino ha la fortuna di trovare un capro espiatorio e di essere protetto da un personaggio molto influente, tuttavia non è tranquillo. A complicare le cose si infilano i sospetti dei detective Carl e Jennifer. Spuntano nuovi testimoni e l’omicida è costretto a prendere provvedimenti estremi.
Il secondo tempo inizia con il cielo di Londra che puzza ancora di fumo quando Marcello, Laura e Sabrina tornano precipitosamente in Italia per cambiare aria, ma in realtà respirano veleno...

Federico Amoretti ha scritto il suo primo romanzo, poi andato perso, a quindici anni. Cinquant’anni dopo, raggiunta l’età della pensione, ha ripreso più o meno dal punto che aveva lasciato. Così, tra un Fantasy e un Thriller ha pubblicato vari romanzi tra cui ricordiamo: Mille anime curiose, Gli ultimi cinque minuti, Il prete innamorato, Noir. Personaggio eclettico, da sempre musicista, da tempo maratoneta, prosegue il suo mestiere creativo di fiorista aiutando la figlia Chiara cui ha passato l’attività.