< torna alla lista
Senza Rem

Titolo:Senza Rem

Autore:Daniele Luciano

ISBN: 978-88-97770-07-7
BROSSURA, 206 pagine
Prezzo: 11,90€
eBook
Formato .pdf
prezzo: 1,99€

Pubblicato nel mese di maggio 2012

Descrizione:

Da, diminutivo di Daniele, protagonista e autore inconsapevole del proprio libro, apre dopo un lunghissimo periodo di tempo il cassetto della propria scrivania. Questa circostanza diventa l'occasione per rivisitare il proprio passato, “capire” il presente, costruire nel futuro, senza rendersene conto, una verità che lo attende senza mai essere del tutto scoperta. Nel rileggere quanto ha scritto e nello scrivere quanto contemporaneamente accade o sarebbe accaduto, Da si rivolge alla propria madre defunta. E la madre diventa pian piano simbolo dell'opposto o meglio possibilità dell'opposto e unica “reale” interlocutrice.

Recensioni:

  Credo sia opportuno, se non addirittura doveroso da parte mia, aggiungere a questo libro una piccola prefazione, una nota, una postilla che spieghi la ragione per la quale questo testo è ora nelle mie mani, eredi di una storia, della quale io stesso, ancora incredulo, non mi capacito. Fatico persino ad accettare l'idea di essere l'unico a conoscere l'identità dell'autore, che si è liberato di queste pagine, come a chiudere con questo gesto un capitolo della sua vita, sebbene dubito che possa bastare. So benissimo che molti, leggendo, diranno che è tutto inventato come lo sono le storie della gran parte dei libri che leggiamo. La vita vera o immaginaria che sia, in genere, scivola sulle pagine attraverso un filtro, che è lo scrittore. Ma qui accade il contrario: è lo scrittore a scivolare sulle pagine attraverso un filtro, che è la vita vera e in questo caso non aggiungo, o immaginaria che sia. In questo dislocamento dello scrittore sulle pagine della realtà, agisce in maniera determinante la propria immaginazione che è quella dello scrittore e del lettore stesso, chiamato in causa per riempire tantissimi spazi vuoti, nei quali ognuno a proprio piacimento può aggiungere un tassello piuttosto che un altro, completando e integrando in tal modo poesie e racconti, allungando o accorciando il filo della storia stessa. Ciò che viene fuori è, come direbbe l'autore stesso, una storia che se ne va beffarda, alle ore 5.20, sbattendoti il suo culo in faccia, lasciandoti l'amara sensazione della nebbia mattutina in bocca, quasi, direi, della favola. La coincidenza è il destino o è il destino ad essere una coincidenza? Me lo sono chiesto tante volte e altrettante volte mi sono dato risposte diverse. Ciò che è certo è che io ero lì, fra tanti posti al mondo e in quel preciso momento, fra tanti momenti al mondo e qualcosa e/o qualcuno hanno voluto che codeste pagine sparpagliate nel vento si posassero sulle mie gambe, sul mio corpo mezzo addormentato all'ombra di un ulivo, sotto un muro a secco e il sole del Salento.

Scarica il primo capitolo

Allegati:
519.72 Kb