< torna alla lista

Titolo:Il giocatore

Autore:Germano Dalcielo

ISBN: 9788897770107 
Brossura, 100 pagine
Prezzo: 9,90€ 
eBook
Formato .pdf .mobi .epub
Prezzo: 1,99€

Pubblicato a ottobre 2012

Descrizione:

Una vita normale, la chimera dei soldi facili, l'occasione propizia e un paio di contingenze favorevoli contribuiscono a fomentare il virus dell'azzardo fino ad allora dormiente. Da lì in poi la strada si fa sempre più buia, un tunnel in fondo al quale non c'è luce. Il gioco diventa compagno quotidiano, un riempitivo, un riscatto dalla desolazione dei rapporti sociali e un palliativo per la solitudine. Un demone che non fa sconti.

 

Recensioni:

 Mi chiamo Germano, ho trentun anni e sono un giocatore. Non suona bene come il «Ciao, mi chiamo John e sono un alcolista» tipico dei film americani, quando il protagonista imbarazzato e ancora un po' scettico si convince ad affidarsi alla terapia di gruppo.

Suona male nonostante i “nuovi” alcolisti anonimi siamo proprio noi, i giocatori patologici.

La cacofonia forse deriva dal mio nome – come si fa a chiamare un neonato innocente e indifeso Germano? – o forse dal fatto che non esiste ancora un riconoscimento ufficiale per questa strana dipendenza, nata da poco e presa con le pinze, perché non comporta danni irreparabili al fegato o al cuore.

È vero. Il gioco d'azzardo non possiede quell'abilità corrosiva e roditrice che hanno l'alcool e la droga nei confronti degli organi interni. Ne possiede un'altra, forse più diabolica e maliziosa, perché dilania l'anima e succhia via ogni alito di vita.

Non è facile autodiagnosticare questo virus che si insinua furtivo sotto la pelle, l'orgoglio e la vergogna ci impediscono di ammetterlo a noi stessi. Negare è più comodo, non affrontare la realtà fa meno male.

Potrei essere io quel John del film americano, ma non riuscirei ad alzare gli occhi da terra, le orecchie mi diventerebbero tutte rosse e la voce mi si spezzerebbe.

Scrivere è più facile e, chissà?, forse ugualmente catartico.

 

Allegati:
179.7 Kb